Scuola

stemma

CITTÀ DI BRA

ELEZIONI COMUNALI 2014

Lista civica Movimento 5 Stelle Bra

logo

Attivazione della Commissione Ambiente scolastica: sarà composta da un rappresentante del Consiglio comunale, dal dirigente scolastico di circolo, da un rappresentante degli insegnanti, da un rappresentante del personale ATA e da un rappresentante dei genitori. Tale commissione, attraverso il lavoro integrato dei suoi membri, ha l’obiettivo di proporre agli allievi interventi di carattere educativo e divulgativo concernenti tematiche quali il rispetto per l’ambiente, lo sviluppo ecosostenibile, la diffusione di una cultura di responsabilità nelle scelte individuali e collettive, i rischi per la salute connessi alle attività antropiche.

Trasparenza nei bilanci dei circoli didattici: impegno per i circoli didattici a rendere effettiva la trasparenza dei propri bilanci, soprattutto a fronte delle richieste di fondi volontari alle famiglie degli studenti, sia attraverso il sito del circolo che attraverso la comunicazione tradizionale sulle bacheche delle scuole e durante gli incontri periodici dei consigli d’istituto.

Miglioramento del Pedibus: impegno per l’aumento e l’allungamento delle linee di bus pedonale il quale promuove l’educazione stradale, la conoscenza del territorio e la capacità di orientarsi, coinvolgendo attivamente i bambini ed educandoli alla mobilità sostenibile. Promuovere il Pedibus “naturale” incoraggiando i genitori a capire che il percorso casa-scuola non dovrebbe esistere solo se organizzato da terzi, ma ritornare a essere ciò che è sempre stato, ovvero un momento di incontro, socializzazione e rafforzamento dei rapporti sociali tra vicinato.

Doposcuola per Scuole Primarie e Medie: promuovere la scuola come luogo di aggregazione, dove gli studenti possano avere uno spazio di incontro fuori dall’orario scolastico, dato che spesso, nelle famiglie, entrambi i genitori lavorano:

-      sfruttamento più esteso degli edifici scolastici favorendo l’apertura pomeridiana delle strutture per realizzare corsi tenuti da associazioni di volontariato e semplici cittadini, quali alfabetizzazione informatica, italiano per stranieri, lingue straniere, gruppi di studio, corsi di ballo o ginnastica, favorendo in tal modo spazi di aggregazione per i giovani;

-      sopperire alla mancanza di fondi per il personale di sorveglianza e animazione, prendendo spunto da alcune realtà esistenti di volontariato e promuovendo una forma di servizio civile comunale per la scuola, l’assistenza sociale, lo sport e l’integrazione.

Cultura educativa dell’integrazione: il problema specifico dell’integrazione dei bambini stranieri riguarda essenzialmente la difficoltà di comunicazione al primo impatto del bambino con l’ambiente esterno alla propria famiglia. La conseguente difficoltà didattica deve essere prevenuta evitando la concentrazione di bambini della stessa lingua madre nei plessi scolastici e nelle classi e promuovendo la formazione di tutti i protagonisti del percorso educativo: gli insegnanti per dotarli di strumenti adeguati ad affrontare il bilinguismo, le famiglie italiane e straniere per imparare affrontare le diversità culturali.

Educazione civica: promuovere l’insegnamento dell’educazione civica e organizzare incontri con associazioni e volontari per la promozione del valore della legalità.

Miglioramento dei laboratori informatici nelle scuole: tramite progetti che riutilizzino macchine donate dai cittadini e revitalizzate attraverso l’applicazione di software libero, ottenendo il duplice effetto di ridurre i rifiuti elettronici e diffondere la conoscenza di sistemi operativi open-source.

Libri di testo scolastici: diminuire l’annuale sostituzione dei libri scolastici, valutando la graduale sostituzione dei libri con testi in formato digitale scaricabili via internet, reperibili nelle biblioteche comunali e derivati dalla creazione diretta da parte dei docenti del materiale didattico.

Edifici scolastici: sfruttare tutte le possibili fonti di finanziamento europeo e statale per la ristrutturazione e la messa a norma degli edifici, in sinergia con il programma di miglioramento dell’efficienza energetica coordinato dall’”Energy Manager” comunale nell’ambito del PAES.

Indice programma