Trasporti e mobilità

stemma

CITTÀ DI BRA

ELEZIONI COMUNALI 2014

Lista civica Movimento 5 Stelle Bra

logo

Traffico urbano e di transito: partendo dalle esigenze dei cittadini, attraverso uno studio e un’analisi attenta del traffico urbano e di transito, adozione delle soluzioni migliori miranti alla riduzione dell’utilizzo del veicolo personale, all’incremento d’uso di altre forme di trasporto come la “mobilità dolce” e all’utilizzo del sistema di trasporto pubblico.

Trasporto pubblico: migliorare l’efficienza e l’efficacia del sistema di trasporto pubblico, partendo dall’eliminazione delle sovrapposizioni tra i trasporti della conurbazione e quelli extra urbani:

-      riprogettazione del sistema di trasporto pubblico esistente, in base innanzitutto a uno studio approfondito del grado di utilizzo delle linee e dei loro percorsi, ponendosi come obiettivo un maggiore uso del servizio; ad esempio intensificando le corse negli orari di punta (apertura/chiusura scuole, giorni di mercato), incrementando i collegamenti con le zone a maggior affluenza (centri sportivi, siti produttivi), incentivando l’uso dei mezzi pubblici attraverso forme di abbonamento con costo decrescente al crescere dell’utilizzo ed effettuando sconti sull’acquisto di biglietti per le famiglie;

-      studiare, in accordo con le imprese locali, il comportamento e le abitudini di chi si reca al lavoro con mezzi propri, per rendere disponibili i mezzi pubblici nei tragitti e negli orari adeguati;

-      linee più corte e con frequenza maggiore muoversi all’interno della città, sperimentare le fermate a richiesta per il centro, con mezzi a basso impatto ambientale e di piccola taglia.

Bike sharing: riattivazione del servizio, dotando di coperture i parcheggi di noleggio biciclette, grazie agli introiti derivanti dalla vendita di spazi pubblicitari, e suo potenziamento con nuove postazioni e sistemi contro gli atti di vandalismo (telecamere e gps).

Parcheggi periferici: incentivare l’utilizzo dei parcheggi periferici al centro urbano (piazza Spreitenbach, piazza XX Settembre, piazza Giolitti, Madonna dei Fiori, ecc..), attraverso la riattivazione del servizio di “bike sharing” e la possibile fruizione gratuita per la prima mezz’ora di sosta nelle aree blu con disco orario. Avviare lo studio di fattibilità tecnico economica per l’ampliamento a multipiano dei parcheggi di piazza Spreitenbach e via San Secondo.

Parcheggi a servizio del centro: istituzione di abbonamenti annuali per i parcheggi a pagamento, mirati alle necessità di specifiche categorie di lavoratori e residenti, con tariffe mensili più convenienti rispetto alle esistenti.

Piste ciclabili: sviluppo della rete ciclabile secondo standard di mobilità moderna, vedendo lo spostamento in bici come un piacere oltre che come una modalità di muoversi; realizzazione di percorsi ciclabili sicuri in tutte le vie principali del centro cittadino utilizzando per lo più la semplice segnaletica orizzontale.

Condizioni del manto stradale: attenta vigilanza circa gli interventi di manutenzione delle strade anche attraverso una seria valutazione sia dei capitolati che dei lavori, soprattutto durante la fase di realizzazione degli interventi.

Linea ferroviaria Bra-Alba: la promessa elettrificazione della linea Bra-Alba non dovrà compromettere la sostenibilità della linea Bra-Cavallermaggiore: la sua realizzazione dovrà essere verificata nella sua fattibilità tecnica ed economica per evitare un caso simile a quanto avvenuto sulla linea Alba-Asti (chiusura). Ci dovrà essere un’attenta analisi costi/benefici che garantisca una trasparente e oggettiva individuazione della soluzione ottimale per il territorio. L’elettrificazione dovrà essere sostenibile ecologicamente, attraverso un piano di ritorno all’utilizzo del trasporto merci su ferrovia delle aziende lungo la direttrice, in modo da ridurre il traffico sulla congestionata strada statale 231.

Sottopasso della linea ferroviaria: realizzazione di un progetto alternativo all’interramento dei binari, ovvero la costruzione di un sottopasso stradale, pedonale e ciclabile, simile a quello di Carmagnola, che ora è possibile realizzare utilizzando solo il terreno della ferrovia. L’interramento dei binari è un intervento senza giustificazioni tecniche e economiche allo stato attuale. Il progetto alternativo implica costi di realizzazione notevolmente inferiori, permette un aumento dei posti auto a servizio del nodo intermodale del Movicentro, la realizzazione di un’area verde e facilita l’accesso pedonale o con mezzi pubblici al centro cittadino.

Abbattimento barriere architettoniche: realizzare il Piano di Eliminazione Barriere Architettoniche (P.E.B.A.), per l’eliminazione strutturale delle barriere architettoniche. Il progetto consiste nell’elaborazione di soluzioni efficaci e puntuali per garantire a tutti, inclusi i non vedenti, gli ipovedenti, le persone con disabilità motoria permanente o temporanea e le persone con passeggino, percorsi adeguati e sicuri per le strade della città.

Strada degli orti: impegno a ridurre il rischio di incidenti nella sequenza di curve a ridosso dell’ingresso in città, tramite il miglioramento delle condizioni del manto stradale.

Marciapiedi: realizzazione di nuovi marciapiedi dove ci sia la necessità per la sicurezza dei pedoni e in seguito alla pianificazione del P.E.B.A. e preferibilmente a raso, sia nel centro che nelle zone periferiche e nelle frazioni, dove necessario copertura dei fossati. Piano di manutenzione dei marciapiedi esistenti per il mantenimento della loro integrità e la diminuzione dei costi di investimento per rifacimenti o ristrutturazioni rilevanti

Illuminazione strade: verificare e migliorare i punti critici dell’illuminazione delle strade, ponendo l’attenzione anche alle zone delle frazioni e periferiche

Traffico di transito: ridurre il traffico di transito per le direttrici da Alba verso gli altri centri della provincia e verso Torino, traffico che ora intasa la Strada degli Orti e la frazione di Roreto di Cherasco: l’obiettivo è ambizioso, ma necessario. È prioritario rivalutare i progetti che prevedono la deviazione del traffico di transito da e verso Alba, al di fuori della città: la bretella di Pollenzo, la possibile integrazione con il tratto esistente della AT-CN per raggiungere la tangenziale o il tunnel del Bergoglio.

Traffico strada provinciale 661 (Bra-Cherasco): impegno a sbloccare l’iter burocratico per la realizzazione dell’allargamento della strada provinciale 661.

Indice programma