Terremoto: commissario o parlamentare? De Micheli molli una poltrona

Ops… il PD in Giunta per le elezioni sbugiardato dal Governo.

In Giunta per le elezioni c’è un comitato per le incompatibilità parlamentari. Il Comitato opera senza alcuna trasparenza, delle sue riunioni non c’è traccia nei resoconti. Quando succede così spesso i parlamentari si lasciano andare a dichiarazioni un po’ forzate e più strumentali del solito. Questo accade soprattutto quando si tratta di deputati che devono difendere loro colleghi di partito o di governo.

È quello che è accaduto nelle scorse settimane quando il MoVimento 5 Stelle ha sottoposto il tema della nomina di Paola De Micheli a commissario per il sisma. Deputata piacentina del Pd di rito bersaniano, poi lettiana, e infine nominata da Renzi al Mef, come sottosegretaria dove è rimasta fino a qualche giorno fa, mentre era contemporaneamente Commissario straordinario al terremoto, dall’11 settembre, e deputata.

Ce n’è abbastanza per sollevare dubbi di incompatibilità. Nel comitato però i suoi colleghi del Pd hanno sostenuto l’adozione del Decreto del Presidente della Repubblica di nomina a Commissario straordinario hanno levato gli scudi sostenendo che quel decreto non avrebbe avuto vigenza fino alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. E quindi nel corso del mese di settembre per la De Micheli non vi sarebbero stati profili di incompatibilità. Eppure la stessa deputata-Sottosegretaria-Commissaria a decorrere dalla sua nomina si è recata in ogni dove a titolo di Commissario straordinario per il sisma.

Ci è sembrato strano. Diciamo che sembrava che si contrapponesse la nostra parola contro la loro e così, per avere un dato di fatto abbiamo chiesto nel question time di oggi che il Governo ci desse conferma della vigenza effettiva della nomina.

La Ministra per i Rapporti con il Parlamento ha appena affermato in Aula che la nomina è da considerarsi vigente a tutti gli effetti a decorrere dall’11 settembre 2017. Ohibò, il PD in Giunta per le elezioni ha preso una musata, mentendo sapendo di mentire. A questo punto si rende necessario ritornare in Giunta per le elezioni per riprendere l’esame della incompatibilità. Vedremo quali scuse metteranno i deputati del PD.

Nota a margine: il 25 settembre scorso la stessa De Micheli è stata nominata Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri…

Ma che furboni questi governanti! E i poveri terremotati restano abbandonati a se stessi…Guardate questo video e sentite la replica di Davide Crippa

Pubblicato da Fabiana Dadone su Mercoledì 4 ottobre 2017

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi