Lavori pubblici mal gestiti

Quando i lavori pubblici non sono gestiti
Dobbiamo constatare purtroppo per l’ennesima volta che a Bra, quando ci sono dei lavori pubblici con modifiche alla viabilità, non si ha la neppure minima considerazione­e sulla sua gestione e sul rispetto degli utenti.
Ultima drammatica testimonianza è la chiusura del passaggio a livello in corrispondenza della stazione ferroviaria, di cui non potevano certe essere ignote le conseguenze sul traffico. A fronte quindi di un ampiamento previsto aumento del traffico su via Vittorio Veneto, via Cuneo e Corso IV Novembre, cosa si è fatto a livello di informazione prima e segnalazione stradale? Nulla, ma proprio nulla!
Si potevano fare cose molto semplici:
 una campagna informativa importante precedente all’apertura dei lavori, per consigliare fin da subito i percorsi alternativi al passaggio in via Vittorio Veneto;
 una segnalazione stradale che avvisi non solo della chiusura del passaggio a livello, ma che nelle zone adeguate, indichi i percorsi alternativi da prendere per le direzioni principali (Alba, Cherasco, centro città, ecc.., perché non ci sono solo braidesi sulle strade);
tutto questo per cercare di portare il flusso su via Montello o via F.lli Rosselli, anziché su Corso IV Novembre, per evitare che via Cuneo e quindi via Vittorio Veneto si intasi per il semaforo ancora presente, di indirizzare il traffico sulla tangenziale, anziché su Via Vittorio Veneto. Cosa quest’ultima che andrebbe fatta strutturalmente per far capire agli utenti che la percorrenza sulla tangenziale è spesso vantaggiosa rispetto a quella su via Trento e Trieste e via Vittorio Veneto, per raggiungere Alba o il quartiere Oltre Ferrovia.
E poi si potevano mettere in campo anche altre idee, certo più complesse ma almeno provarci, per esempio legate all’accesso alle scuole, come linee speciali di pedibus o di trasporto urbano, per facilitare la mobilità interna.
Questa noncuranza nell’affrontare i lavori è spaventosa, il tutto appare come se a Bra non ci fosse un assessorato ai LLP o non fosse in grado di fare un giro per la città e capire cosa sta combinando, alla fine ai cittadini rimane una domanda, quella che ci hanno fatto alcuni in questi giorni: “Ma pensano che siamo cretini?”.
Una cosa ancora annotiamo: circa un anno e mezzo fa avevamo posto in Consiglio comunale il problema delle pessime condizioni del passaggio a livello della stazione e sollecitato interventi: ci era stato risposto che non si poteva fare nulla, i lavori di oggi sono la dimostrazione che non era vero e che la nostra richiesta era fondata.
Infine, merita una considerazione anche il sottopasso: per la prima volta forse si è sentito il profumo di un detersivo nel sottopasso, se la sua pulizia venisse fatta con costanza e bene, e se magari si dotassero le scale di binari per spingere in sicurezza almeno le biciclette, il sottopasso potrebbe essere più pulito, più frequentato, più sicuro e non si vedrebbero le file di persone dietro le sbarre del passaggio a livello a respirare i fumi dei tubi di scappamento delle macchine.

Movimento 5 Stelle Bra

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi